dorado con violinoCopie (2) de Jazz 118dorado-schmitt-family.jpg4dorado-schmitt-family.jpg3Dorado-guitar

DORADO SCHMITT FAMILY

price

Un concerto travolgente, la sonorità potente e swing della musica manouche interpretata dal più grande artista vivente, maestro di tanti famosi artisti manouche, Dorado si presenta accompagnato dai figli Samson e Amati. Quest’ultimo considerato il vero erede di Django Reinhardt.

 

Selezionare una data per richiedere il preventivo.

Product Description

Un concerto travolgente, la sonorità potente e swing della musica manouche interpretata dal più grande artista vivente, maestro di tanti famosi artisti manouche, Dorado si presenta accompagnato dai figli Samson e Amati. Quest’ultimo considerato il vero erede di Django Reinhardt.

Dopo più di 1200 concerti al loro attivo in tutti i principali teatri e piazze in Italia e all’estero, le Blue Dolls e 32 apparizioni televisive sulle principali reti e trasmissioni nazionali da Pino Strabioli a Michele Mirabella a Maurizio Costanzo, a Piero Chiambretti. Nel gennaio del 2008 le Blue Dolls hanno ricevuto la Nomination agli Italian Jazz Awards 2008 come Best Singers. Le Blue Dolls sono state scritturate per il film televisivo di Rai Trade sul Trio Lescano “Le ragazze dello swing” andato in onda in 2 puntate su RAIUNO nel settembre 2010 e replicato nel febbraio 2012. La fiction ha avuto un successo internazionale tanto che è stata venduta in 18 paesi stranieri, Stati Uniti compresi.Le Blue Dolls hanno suonato più volte al Blue Note di Milano, partecipato come ospiti al tour di Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana e hanno
ricevuto la nomination come Best Jazz Singers all’ Italian Jazz Award. Le Blue Dolls sono state anche a Tirana, Ankara, dove hanno duettato con Amy Stewart, Casablanca, Podgorica, Montreux Jazz Festival, Lussemburgo, Tokyo e Osaka e si apprestano ad un tour in Cina.

Commenti

Non sono presenti commenti o recensioni

Commenta per primo “DORADO SCHMITT FAMILY”

Nato in Lorena, fin da bambino affascinato dal jazz gipsy, è stato iniziato alla chitarra a 7 anni da suo padre che gli ha fatto scoprire la musica del grande Django Reinhardt, del quale, negli anni formativi, ha esplorato tutto il repertorio e incorporato lo stile solistico. Inoltre Dorado suona con la stessa concentrazione anche il violino, altro strumento fondamentale nello stile
manouche. Ma Dorado non vuole solo vivere sulla scia di Django: compone musiche proprie e improvvisa con una tecnica di eccezionale levatura. Si trova anche perfettamente a suo agio in altri stili, come la Bossa Nova o il flamenco. La carriera di Dorado è stata funestata a più riprese da incidenti o lutti che lo hanno tenuto a lungo lontano dalle scene.
Ma il nostro possiede un carattere tenace che lo ha portato negli ultimi anni a conquistare una crescente notorietà internazionale in Europa e negli Stati Uniti e il rispetto dei musicisti di tutto il mondo con i quali ha suonato le musiche di Django. Si racconta che George Benson, all’apparenza molto distante dallo stile manouche, colpito dalle sue performance, abbia voluto suonare in jam session con lui.